Ioni pesanti: dalla terapia del cancro alla missione su Marte, il 24 Novembre al MUSE

Nov 7, 2017 Off Comments in Announcement by


Venerdì 24 novembre 2017, alle ore 10.00 al MUSE di Trento, si terrà l’incontro con Marco Durante dal titolo Ioni pesanti: dalla terapia del cancro alla missione su Marte.
Si tratta del secondo incontro nel 2017-2018 organizzato dall’Associazione Piazza del Mondo, all’interno della serie Sapere e Futuro.

Cosa possono avere in comune la terapia del cancro ed una missione su Marte? Le radiazioni, in particolare quelle note scientificamente come “ioni pesanti”. Si tratta di radiazioni a cui tutti noi, senza saperlo, siamo continuamente esposti. A illuminare la questione ad un pubblico di studenti e docenti delle scuole superiori convenuto al MUSE, sarà uno dei leader mondiali nel campo della radiobiologia delle particelle e della fisica medica.

Il professor Marco Durante è direttore, dall’aprile 2105, del Trento Institute for Fundamental Physics and Applications (TIFPA) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). In precedenza ha lavorato come direttore del Dipartimento di Biofisica presso il Centro per la ricerca sugli ioni pesanti GSI HELMHOLTZ (Darmstadt, Germania). E' inoltre professore a contratto sia presso la Temple University di Philadelphia (USA), sia presso il GUNMA College of Medicine (Giappone). Marco Durante ha conseguito il dottorato nel 1992 e ha dedicato la sua attività di ricerca alla biofisica delle particelle cariche con applicazioni alla terapia oncologica e alla radioprotezione nello spazio.
E' co-autore di oltre 300 lavori su riviste scientifiche e di un brevetto sulla terapia protonica. E' riconosciuto come uno dei massimi esperti mondiali della materia.

A seguire l’evento del 24, e in continuità con le questioni sollevate dal professor Durante, domenica 26 novembre alle ore 11.00 nella Sala CARITRO (Trento), si terrà il concerto Visioni del suono e del tempo, con il MotoContrario Ensemble (Cosimo Colazzo (pianoforte) Emanuele Dalmaso (sax), Marco Longo (pianoforte), Andrea Mattevi (viola), Riccardo Terrin (tromba)).

Si tratta di due opportunità di arricchimento per la società civile, di grande portata scientifica e musicale. Da non perdere